116823527

chi contattare in Comune: Servizio Ambito Territoriale e Sociale

 

Quando la casa non basta più
Le persone anziane che, anche temporaneamente, non possono vivere presso la propria abitazione hanno a disposizione soluzioni residenziali di carattere comunitario, adatte alle varie esigenze.
Le Comunità Alloggio sono appartamenti con un massimo di 10 posti, dove le persone mantengono la propria autonomia pur usufruendo di un servizio di assistenza domiciliare.
Le Residenze Sociali sono complessi di appartamenti dove le persone si gestiscono autonomamente ma possono usufruire di servizi collettivi come la mensa e la lavanderia.
Le Residenze Protette hanno la possibilità di ospitare persone non autosufficienti. Sono garantiti il servizio alberghiero, il servizio di lavanderia, la cura e l´igiene della persona, l´assistenza medica e infermieristica generica. Le strutture che ospitano persone non autosufficienti devono garantire adeguata assistenza e cure mediche e riabilitative.
Le Residenze Sanitarie Assistenziali sono rivolte a persone non autosufficienti che necessitano di intense cure mediche, infermieristiche e riabilitative. Il ricovero in RSA può essere temporaneo (ad esempio a seguito di un ricovero ospedaliero) oppure a lungo termine (viene detto "di mantenimento").
Tutti i tipi di strutture hanno sia camere singole, sia con più letti, fino ad un massimo di quattro letti per camera. Sono disponibili camere con servizi igienici annessi, alcuni attrezzati per la non autosufficienza.
Tutte le residenze sono dotate di spazi comuni, quali la sala da pranzo e il soggiorno; alcune hanno anche la palestra e/o il giardino.

A CHI
Persone anziane che non possono essere assistite adeguatamente in casa.

QUANTO COSTA
Il costo per l'utente può variare, a seconda dei servizi offerti e del grado di autonomia dell´anziano.
L´anziano che si rivolge ad una struttura convenzionata con  l´ASL2, può richiedere l´integrazione della retta socio-alberghiera al Comune che la concede a seconda della situazione economica dell´interessato e della disponibilità di bilancio dell´Ente.

Il ricovero di riabilitazione in R.S.A., per i primi 60 giorni, è totalmente a carico della ASL.

COME
Per gli anziani non autosufficienti bisogna presentare domanda alla ASL, su apposita modulistica reperibile presso gli Uffici dell´Unità Operatica Anziani. A seguito della presentazione della domanda viene effettuata una visita di valutazione delle condizioni sociali e di salute del paziente da parte di un gruppo di operatori del Comune e della ASL detto Unità di Valutazione Geriatrica (UVG).
A seconda dell´esito della visita l´utente, in base alla gravità delle condizioni di autosufficienza, può essere inserito in RSA oppure entrare in una lista di attesa per le residenze protette accreditate dalla ASL.
Quando si rende disponibile un posto in una struttura viene contattata la persona prima in lista che può accettare il ricovero o attendere che si liberi un posto nella residenza preferita.
Per gli anziani autosufficienti interessati ad una soluzione residenziale comunitaria è invece opportuno contattare direttamente le strutture, per verificare la presenza e le caratteristiche dei posti liberi.

DOVE E QUANDO
Per avere maggiori informazioni sulle diverse opportunità residenziali e per individuare quella più idonea alla propria situazione, rivolgersi all´Area Non autosufficienza, anziani e disabilità (vedi  ATS 27 Savona ), preferibilmente su appuntamento, o nel consueto orario di ricevimento,  e/o all´Unità Operativa Anziani della ASL 2 in via Collodi 13, tel. 019.8405994.

 

 

 

torna all'inizio del contenuto