Museo Sandro Pertini e Renata Cuneo

Sommario delle sezioni presenti


torna su

Servizi Comunali

Museo Sandro Pertini e Renata Cuneo

EMILIO VEDOVA, Lo stregone


Il Muratorino
Giorgio Morandi, Natura morta

MUSA - Museo Sandro Pertini e Renata Cuneo

 

Dal 1. novembre 2016 il museo Pertini Cuneo è aperto al pubblico nella giornata di martedì dalle ore 11.00 alle ore 13.00.

 

I Musei civici del Comune di Savona si articolano in più sedi che conservano collezioni diverse:

Museo d'Arte di Palazzo Gavotti, sede della Pinacoteca Civica e della collezione della Fondazione Museo di Arte Contemporanea  Milena Milani e Carlo Cardazzo;

Polo museale del Priamàr, sede del Civico Museo Archeologico e della Città e del Museo Sandro Pertini e Renata Cuneo.

Il 22 novembre 2013 è stato inaugurato il nuovo allestimento del Museo Sandro Pertini e Renata Cuneo.

All’interno della Fortezza del Priamàr, al secondo piano del Palazzo della Loggia, sono state riallestite le collezioni dell'ex Presidente della Repubblica Sandro Pertini e della scultrice Renata Cuneo.

Nell'ambito del sistema museale civico, dopo il trasferimento della Pinacoteca a Palazzo Gavotti, nel centro storico di Savona, l'Amministrazione Comunale ha concentrato le raccolte della fortezza (Museo Archeologico, Collezioni Pertini e Cuneo) nel Palazzo della Loggia con il duplice obiettivo di ottimizzare gestione e spazi espositivi del nuovo Polo Museale del Priamàr. Il piano di riorganizzazione è stato inserito tra gli interventi finanziati dall'Accordo di Programma Quadro "Beni e Attività Culturali III Integrativo" stipulato fra Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Ministero dello Sviluppo Economico e Regione Liguria.

Grazie alla ricchezza ed eterogeneità del patrimonio conservato, i Musei Civici sono oggi complementari nel raccontare l'identità della città. Palazzo Gavotti costituisce il cuore dell'arte a Savona con le collezioni di dipinti e ceramiche dal Trecento ai giorni nostri e trova adeguata integrazione nella realtà museale del Priamàr che, attraverso i reperti archeologici, la raccolta di Casa Pertini, la donazione della scultrice savonese Renata Cuneo, si propone oggi quale centro di documentazione delle vicende storiche e culturali cittadine.

 

 

Il Museo d'Arte Sandro Peritni era stato inaugurato nel 1991 al primo piano del Palazzo della Loggia, dando seguito alla volontà del Presidente, espressa alla moglie Carla Voltolina, di donare a Savona la sua collezione, costituita grazie ad acquisti, omaggi di artisti e ammiratori, doni ufficiali. La raccolta comprende un centinaio di oggetti tra dipinti e sculture e offre una campionatura di opere di artisti contemporanei, tra i quali segnaliamo: Remo Brindisi, Antonio Corpora, Giorgio de Chirico, Filippo de Pisis, Agenore Fabbri, Renato Guttuso, Giacomo Manzù, Francesco Messina, Joan Mirò, Giorgio Morandi, Gio´ Pomodoro, Aligi Sassu, Mario Sironi, Emilio Vedova.

La Collezione di sculture di Renata Cuneo, donata dall'artista al Comune di Savona nel 1986, era stata allestita nel Bastione di S.Bernardo nel 1990.  La raccolta si compone di numerosi pezzi, sculture in ceramica, bronzi e terracotte. Tra le opere più significative, per lo più dedicate alla figura umana trasposta in soggetti religiosi e profani,  si ricordano "L'uomo che dorme", "Giovanna d'Arco", "Il Muratorino", "Ecce Homo".

Oggi le due donazioni sono state riordinate e allestite entrambe al secondo piano del Palazzo della Loggia, in sezioni contigue, ma nettamente distinte, mantenendo la loro individualità e i riferimenti alle forti personalità dei donatori ed assicurando, al tempo stesso, continuità e coerenza tra i dipinti e le sculture esposte. Le opere convivono fronteggiandosi per tutta la lunghezza del grande ambiente con volte a crociera: la raccolta Pertini nella navata verso la città, la raccolta Cuneo in quella verso la Piazza d'Armi della fortezza. I beni non esposti vengono conservati in uno spazio-deposito attrezzato, sistemato vicino all'ingresso, concepito per permettere la consultazione a richiesta.