Sommario delle sezioni presenti


torna su

Notizie dal Comune

09.10.2017 - PRESENTAZIONE DEI GIOCHI PARALIMPICI Marted́ 10 al Nuovo Filmstudio, 200 studenti conosceranno i giochi

SAVONA, PRESENTAZIONE DEI GIOCHI PARALIMPICI
Martedì 10 al Nuovo Filmstudio, 200 studenti conosceranno i giochi

Un'iniziativa per presentare i Giochi Europei Paralimpici Giovanili e lo sport paralimpico alle nuove generazioni di savonesi. Come è noto, la Città di Savona ospiterà i Giochi Europei Paralimpici Giovanili dal 12 al 14 ottobre al centro sportivo polivalente della Fontanassa, che vedrà disputare le gare di Atletica leggera.

Martedì 10 al Nuovo Filmstudio, a partire dalle 10.00, oltre 200 studenti degli Istituti Secondari Superiori di Savona conosceranno i Giochi, attraverso le testimonianze dirette di atleti e video informativi. Verrà inoltre proiettato un cortometraggio del regista Riccardo di Gerlando, premiato in tutto il mondo, che vede come protagonista un bravissimo attore con sindrome di Down. Sarà presente l'Assessore allo Sport del Comune di Savona,  Maurizio Scaramuzza, che dichiara: “Sarà un'occasione importante, per i ragazzi del nostro territorio, di incontrare una realtà sportiva che solo recentemente è salita agli onori della cronaca, grazie ad atleti del calibro di Bebe Vio e Alex Zanardi, campioni dello sport ed esempi di vita”.

La presentazione dei Giochi è nata dalla collaborazione tra Assessorato allo Sport del Comune di Savona, Centro Giovani dell'ASL2, CESAVO, Forum del Terzo Settore e Comitato Paralimpico. È stata creata una rete tra istituzioni e associazioni che vedrà la possibilità di iniziative future sia nelle scuole che con la popolazione, per stimolare l’avvicinamento dei giovani disabili a importanti realtà sportive che già accolgono atleti da tempo.

La sensibilizzazione è necessaria in quanto la cittadinanza, e i giovani in particolare, conoscono solo parzialmente la realtà dello sport paralimpico. Infatti, dai dati di una ricerca del Centro Giovani, attualmente ancora in itinere, su un campione ancora parziale di 311 studenti di 14 anni, solo il 64% conosce il significato di “sport paralimpico” e di questi, il 48% lo attribuisce solo ad atleti con gravi problemi motori (in “carrozzina”) e non ad altre forme di disabilità.