Sommario delle sezioni presenti


torna su

Notizie dal Comune

04.06.2009 - Politiche Giovanili: l'8 Giugno al Chiabrera spettacolo futurista delle scuole sup. di II grado

ZANG TUMB TUMB èil titolo dello spettacolo, ad ingresso gratuito, realizzato e messo in scena dall’Officina Teatrale del Comune di Savona- Politiche Giovanili e degli Istituti Superiori di II Grado di Savona, che andrà in scena lunedì 8 Giugno alle ore 21 al Teatro Chiabrera.
Lo spettacolo è già andato in scena il 22 maggio al Teatro Gasmann di Borgio Verezzi ed il 31 maggio ad Albenga ed è organizzato in collaborazione con Cooperarci e Informagiovani Savona. “Sono particolarmente soddisfatto – dichiara il Consigliere incaricato alle Politiche Giovanili del Comune di Savona, Federico Larosa – di poter permettere ancora una volta ai ragazzi di portare in scena questi spettacoli, che hanno riscosso finora grande successo a Savona e non solo e hanno ricevuto diversi riconoscimenti. Un impegno che va premiato e che, per quanto di competenza delle Politiche Giovanili, va ad inserirsi nelle iniziative volte a promuovere l´inclusione delle fasce più giovani di popolazione, nei vari aspetti della vita sociale, culturale, politica ed economica della città. Una fascia di età dal grande potenziale ma meno rappresentata di altre, e quindi per questo più debole.”
“Il progetto di un laboratorio teatrale - dichiara Daniela Balestra - aperto a tutti i ragazzi degli Istituti Secondari di II grado di Savona, è nato dalla collaborazione attiva con il Consigliere Larosa, e la docente Giovanna Cargioli, con la convinzione che il teatro per i giovani, quando è guidato da una corretta metodologia, crea indirettamente un contesto pedagogico basato sull´autoformazione e l´autonalisi, in grado così di arricchire la cura e la stima della persona, la salute mentale e corporea, la sensibilità e l´esperienza cognitiva. Creare un´esperienza teatrale è una valida alternativa ad altre esperienze devianti come la droga e il bullismo e quindi, indirettamente, contribuisce a prevenire il disagio giovanile e la dispersione scolastica. In questo senso, la regia usa lo spazio, il movimento, l´improvvisazione, il gesto vocale e corporeo, le musiche, andando oltre la prosa ed utilizzando vari linguaggi in grado di coniugare cultura e creatività”.
clicca qui per ogni info sullo spettacolo