Sommario delle sezioni presenti


torna su

Notizie dal Comune

04.10.2007 - Le opere d'arte dei Musei Civici ambasciatrici di Savona nel mondo

Sabato 6 ottobre sarà inaugurata alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma una grande retrospettiva su Emilio Vedova, artista di fama internazionale, affermato come una delle voci più significative nel panorama italiano dell’arte del secondo dopoguerra, mancato nel 2006. In gennaio l’esposizione sarà trasferita alla Berlinische Galerie di Berlino. Per questa occasione, la Galleria d’Arte Moderna di Roma, in collaborazione con la Fondazione Emilio e Annabianca Vedova e con la Berlinische Galerie, ha richiesto in prestito Lo stregone, dipinto da Vedova nel 1947/48 e compreso nella Collezione Sandro Pertini, donata al Comune di Savona nel 1991. E’ la prima volta che una delle opere d’arte del Presidente Pertini lascia temporaneamente la nostra città: il trasferimento in queste sedi prestigiose è stato concesso dall’Amministrazione comunale in accordo con la Fondazione Sandro Pertini, rappresentata da Umberto Voltolina, fratello della moglie di Pertini, Carla Voltolina, proprio per l’importanza dell’iniziativa e per dare seguito a una precisa volontà manifestata dal Maestro. Il dipinto, molto caro al Presidente, che lo conservava nel suo studio, gli fu donato direttamente dall’artista, con l’accordo di metterlo a disposizione di mostre importanti.
clicca qui per visualizzare un´immagine

Altri tre dipinti della Pinacoteca sono invece stati richiesti in America per una importante mostra in occasione dell´ampliamento del Mississippi Museum of Art di Jackson, capoluogo del Mississippi: Valerio Castello (Genova 1624 – 1659), Pietà, olio su tela, cm 130 x 145 Carlo Giuseppe Ratti (Savona 1737 - Genova 1795), Martirio di S. Caterina d´Alessandria olio su tela, cm 73 x 47 Paolo Gerolamo Brusco (Savona 1742 - 1820), Traslazione del corpo di S. Caterina d´Alessandria olio su tela, cm 100 x 75 La mostra “Between God and Man: Angels in Italian Art”, dal 1 giugno al 31 dicembre 2007, ospita un consistente nucleo di opere dall´alto medio Evo al Settecento. Fra le opere richieste, provenienti dai maggiori musei italiani, troviamo dipinti di Paolo Veneziano, Filippo Lippi, Palma il Giovane, Tiepolo, Luca Giordano ecc. La bellissima Pietà documenta ad alto livello di qualità il grande talento di Valerio Castello, artista che intorno alla metà del Seicento contribuisce in modo determinante ad imprimere una svolta in senso barocco nell´ambiente artistico genovese. Il savonese Carlo Giuseppe Ratti è autorevole esponente della cultura figurativa ligure di fine Settecento e figura di spicco dell´Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova. Il Martirio di Santa Caterina è il bozzetto di una grande pala eseguito per l´Oratorio dei Santi Pietro e Caterina, così come la Traslazione del corpo di S. Caterina d´Alessandria di Paolo Gerolamo Brusco. La tela è collocabile nel secondo decennio dell´Ottocento e costituisce un momento importante nell´ambito della vastissima produzione dell´artista savonese.
Per una affascinante mostra che verrà allestita al Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Rovereto da novembre 2007 a febbraio 2008 “La parola nell’arte. Ricerche d’avanguardia nel Novecento” èstato richiesto invece un bellissimo dipinto di Cy Twombly - Composizione - del 1954, appartenente alla Fondazione Museo di Arte Contemporanea Milena Milani in memoria di Carlo Cardazzo. La richiesta di così alto prestigio testimonia ancora una volta, ove ce ne fosse bisogno, l´eccezionalità della Collezione della Fondazione, con opere dei più grandi artisti contemporanei che nel corso degli anni sono entrati in contatto con Milena Milani.