Sommario delle sezioni presenti


torna su

Gli appuntamenti in città

AVVENIMENTO

Be Sm/ART- L’Arte al servizio della Smart City

alle ore 16:00

il 17.12.2015 - Campus di Savona, Via Magliotto, 2

Giovedì 17 dicembre, ore 16, presso il Campus Universitario di Savona (lato mensa), con il patrocinio del Comune di Savona, si terrà l'evento conclusivo, ad ingresso gratuito, di "Be Sm/ART", un progetto artistico-scientifico promosso da Radicate (Associazione per la Ricerca sull’Arte e la Cultura Contemporanea) e dalla Facoltà di Ingegneria del Campus di Savona (Università di Genova), che, in collaborazione con il Teatro dei Cattivi Maestri, di Savona per due mesi ha animato il Campus di Savona con azioni performative e interventi site specific ideati dagli artisti dell'associazione Cherimus.
Dichiara l'Assessore alla Cultura, Politiche Giovanili, Eventi, Università, CED, Elisa Di Padova: "Come è noto l’Amministrazione Comunale da tempo si è attivata in un percorso mirato alla costruzione di Savona città “Smart”, tecnologica, sostenibile, inclusiva ed è coinvolta nella predisposizione del Programma Savona Smart, insieme agli Enti e soggetti partner, con la partecipazione e l'ascolto dei cittadini e con i diversi stakeholders del territorio. In questo contesto, importante è anche la promozione di iniziative in grado di superare la tradizionale contrapposizione tra cultura e tecnica e questo progetto interdisciplinare ne rappresenta un felice esempio. Dopo la sua presentazione, che abbiamo ospitato presso il nostro Museo d'Arte di Palazzo Gavotti lo scorso 10 ottobre in occasione dell'XI Giornata del Contemporaneo, siamo lieti di vedere l'evento conclusivo del Progetto svolgersi al Campus universitario di Legino, fiore all'occhiello della nostra città, che rappresenta un vero e proprio laboratorio per sperimentare la Smart City, coniugando le attività di ricerca, formazione e comunicazione che caratterizzano il progetto".

IL PROGETTO E L'EVENTO CONCLUSIVO
Be Sm/ART è un progetto di ricerca transdisciplinare, promosso da Radicate, Associazione per la Ricerca sull’Arte e la Cultura Contemporanea e realizzato grazie al contributo di Fondazione A. de Mari Cassa di Risparmio di Savona e Regione Liguria, il supporto di SPES S.c.p.A Società di Promozione degli Enti Savonesi per l'Università, il Comune di Savona e IPS S.c.p.A., Agenzia di Sviluppo del territorio savonese. Partner del progetto Banca Carisa, Noberasco e Tersia srl.
“Be Sm/ART” è un progetto di ricerca che va ad affiancarsi e ad arricchire la ricerca scientifica condotta dalla Facoltà di Ingegneria al Campus di Savona (Università di Genova) sul tema della città sostenibile: grazie a una microgrid (microrete) energetica intelligente, che ottimizza i flussi energetici, il Campus Universitario di Savona rappresenta un vero e proprio laboratorio per sperimentare la Smart City, la città intelligente e sostenibile in futuro replicabile su più ampia scala. Progettato dall’Università di Genova e realizzato da Siemens, si tratta del primo esempio di microgrid in Italia attuato in uno spazio, quello del Campus di Savona, paragonabile a un quartiere cittadino con funzioni urbanistiche differenziate.

Radicate, Associazione per la Ricerca sull’Arte e la Cultura Contemporanea e la Facoltà di Ingegneria del Campus di Savona (Università di Genova) sono liete di presentare Be Sm/ART, un progetto artistico-scientifico che per due mesi ha animato il Campus di Savona con azioni performative e interventi site specific ideati dagli artisti dell'associazione Cherimus chiamati a interpretare creativamente la sperimentazione sulla Smart City condotta nelle aule del Polo Universitario ligure.
Artisti e scienziati si sono confrontati sul terreno comune della ricerca e della sperimentazione per raccontarci la loro speciale visione sulla città sostenibile del futuro.
Il frutto di questa collaborazione sarà presentato giovedì 17 dicembre alle ore 16:00 quando il Campus Universitario di Savona aprirà le porte al pubblico per un evento artistico che illustrerà i risultati di questa sinergia tra discipline.
Analisi, sperimentazione e sintesi accomunano da sempre il mondo dell’arte e della scienza, e seppur distinte nella pratica, entrambe forniscono sistemi interpretativi e modelli di sviluppo possibili. Da qui è nata l’esigenza di mettere a confronto ingegneri e artisti sul tema della città sostenibile. Sollecitata dagli artisti di Cherimus (Simone Berti, Derek Di Fabio, Isa Griese, Isamit Morales, Andrea Rossi, Matteo Rubbi, Emiliana Sabiu e Carlo Spiga), la Smart City del Campus Universitario di Savona ha ospitato un ciclo di laboratori sperimentali per studiare un modello di città ideale replicabile, basato sull’ottimizzazione dei consumi e della produzione di energie rinnovabili.
In collaborazione con il Teatro dei Cattivi Maestri di Savona, Cherimus ha invitato al Campus un gruppo di bambini a cui è stato affidato il compito di immaginare la loro città del futuro. Le idee raccolte hanno costituito così il terreno comune su cui si sono esercitati professori, studenti e artisti per l’intera durata del programma: da qui è nato un progetto corale che ha coinvolto la Campuswave radio, i ragazzi dell’Associazione Giovani per la scienza e l’associazione Atmosfera Danza. Per un intero giorno la scienza ha parlato il linguaggio della musica, della danza e del teatro: incursioni piratesche nelle aule, flash mob in biblioteca, il tutto all’insegna della sostenibilità energetica, sono stati documentati da un video e un podcast che saranno presentati in anteprima al Museo di Villa Croce di Genova.
Questa partecipazione collettiva troverà un momento di sintesi nell'evento che avrà luogo al Campus di Savona giovedì 17 dicembre, quando, fra gabbie di Tesla, ballerine, videoproiezioni e suoni dal futuro, verrà installata all'ingresso del Campus una grande scultura che si illuminerà grazie all’energia prodotta pedalando, segno tangibile della collaborazione tra artisti e scienziati.

Allegati: