Sommario delle sezioni presenti


torna su

Gli appuntamenti in città

RASSEGNA

Le Officine dei Bambini

il 26.10.2014 - Officine Solimano, Savona

Le Officine Solimano sono nate con il progetto di creare occasioni di divertimento culturale di qualità e con prezzi accessibili, differenziate per un target molto ampio, per gli interessi artistici, per il genere delle proposte e per l’età. Da qui nasce il desiderio di creare una stagione specifica per i bambini e le loro famiglie.
A tale scopo, le Officine Solimano, con il sostegno del Comune di Savona ed il contributo di Acquedotto di Savona S.p.A., promuove il progetto “Le Officine dei bambini”, iniziato nella passata stagione, che prende corpo quest'anno con un calendario specifico annuale programmato con inizio per il 26 ottobre.
“Siamo lieti di sostenere – dichiara l'Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili Elisa di Padova – questa rassegna, rivolta ai bambini e, al contempo, alle loro famiglie; un'importante opportunità, dunque, di arricchimento culturale che va ad aggiungersi alle iniziative rivolte ai bambini promosse da soggetti come i nostri musei e la nostra biblioteca”.
Il progetto comprende otto spettacoli teatrali (programma qui di seguito), tre proiezioni cinematografiche e tre incontri della School of rock (programma in via di definizione).
Tutti gli spettacoli sono aperti anche ai non tesserati, con biglietto d'ingresso è euro 6 per gli adulti ed euro 5 per i bambini (ad eccezione dello spettacolo Gobbolino ad ingresso gratuito perché realizzato nell'ambito di un progetto del distretto socio sanitario n. 7 Savonese finalizzato all'affido familiare).
Come detto, la rassegna prende il via Domenica 26 ottobre, ore 17, con “Raperonzola”, spettacolo per bambini del Teatrino dell’Erbamatta, di e con Daniele Debernardi. Con questa storia antica che parla di dame, streghe e cavalieri le cui origini risalgono addirittura al 1600, i Cattivi Maestri aprono la nuova stagione teatrale dedicata alle famiglie; un appuntamento mensile di teatro per l'infanzia che unisce le produzioni dei Cattivi Maestri ad alcune tra le più prestigiose compagnie di teatro ragazzi dell'Infanzia: dopo l'Erbamatta, RAT-Teatro dell'Acquario di Cosenza, Pandemonium Teatro di Bergamo, Teatro del Piccione di Genova.


“Raperonzola”
La storia che lo spettacolo racconta ha origini antiche (le prime versioni risalgono al 1600) e, come spesso accade, si è diffusa in tutta Europa con alcune variazioni, ma i personaggi e i luoghi sono rimasti gli stessi. Lo scrittore italiano Cesare Basile nel 1600 pubblicò Petrosinella, Italo Calvino la ripropose nella raccolta delle fiabe italiane come Prezzemolina e in Germania i fratelli Grimm scrissero Raperonzolo. Ed è proprio da questa versione che nasce uno spettacolo frizzante e ricco di comicità, dedicato alla figura femminile, alle madri, alle figlie e alle… orche!
Raperonzola è l'avventura di una fanciulla dalle lunghe trecce e di un'orca che la tiene prigioniera in una torre, fino all'arrivo di un principe che la libererà. Su questa semplice trama nasce uno sviluppo scenografico magico per gli occhi di chi guarda. Dentro a una specie di “torre di Babele” che gira su se stessa, ispirata alle sculture dell'artista trentino Pietro Weber, si svolge tutta la storia. I protagonisti sono grandi pupazzi mossi a vista dal narratore che convive con loro: raccontando, litigando e muovendo tutto in una armonia di suoni e rumori che caratterizza i vari stati d'animo. È uno spettacolo comico e poetico che promuove una riflessione: la vita è un ciclo continuo, dove qualcosa finisce qualcos'altro comincia.

In allegato comunicato stampa con programma completo della rassegna

Allegati: