10 Maggio 2011 - Approvati progetti per nuovo campo da hockey e bocciodromo in Legino

Sommario delle sezioni presenti


torna su

10 Maggio 2011 - Approvati progetti per nuovo campo da hockey e bocciodromo in Legino

fotomontaggio campo da hockey


planimetria studio bocciodromo
DUE NUOVI IMPIANTI SPORTIVI IN LEGINO: APPROVATI PROGETTO PRELIMINARE PER NUOVO CAMPO DA HOCKEY E STUDIO DI FATTIBILITA’ PER NUOVO BOCCIODROMO
L'Assessore allo Sport Luca Martino “Due progetti su cui, dopo 25 anni di discussione, si mette oggi un punto fermo. Gli impianti daranno risposta alle numerose richieste degli utenti, collocandosi nell'area destinata ad ospitare il nuovo stadio, che diventerà così un grande polo di attrazione per il mondo sportivo e di aggregazione sociale”

Approvati nel corso della seduta odierna di Giunta il progetto preliminare per la realizzazione di un nuovo campo da hockey e lo studio di fattibilità per la realizzazione di un nuovo bocciodromo comunale; entrambi gli impianti siti in Savona, zona Legino.
“Si tratta di due progetti importanti, che vanno a mettere un punto fermo dopo 25 anni di discussione in merito. Il Bocciodromo Comunale coperto risponde alle esigenze degli utilizzatori e fa fronte alle numerose richieste pervenute da parte degli utenti soprattutto nella parte invernale dell’anno. Tengo a sottolineare che l'impianto non vuole sostituire le strutture già esistenti sul territorio e curate dalle numerose società bocciofile, che, anzi, sono importanti e vengono valorizzate dall'Amministrazione stessa anche per la fondamentale funzione di aggregazione sociale svolta. La struttura permetterà lo svolgimento di campionati di livello nazionale. Legino è anche interessata dal progetto di realizzazione di un campo da hockey nell'area del campo sportivo ex CSI che l'Amministrazione acquisisce dalla Curia, a seguito di alienazione. Ciò permette un minor impegno economico rispetto a quanto stimato per l'area ipotizzata inizialmente, che viene in questo modo a dimezzarsi, annullando ogni polemica già sorta al riguardo. Inoltre, andando a collocarsi accanto al nuovo stadio, l'impianto contribuirà alla creazione di un grande polo sportivo e di aggregazione sociale per la città”.

STUDIO DI FATTIBILITA' PER REALIZZAZIONE NUOVO BOCCIODROMO
Il progetto – di cui si allega relazione descrittiva dettagliata - è finalizzato a realizzare un impianto per il gioco delle bocce con n. 6 campi coperti e n. 4 campi all’aperto con annessi spogliatoi, zona bar e servizi, aree verdi attrezzate, parcheggi.
La nuova struttura occupa la porzione nord della zona sportiva in Legino dove attualmente è in corso di realizzazione un impianto coperto per la pallavolo. L’area è idonea ad ospitare i due impianti che saranno organizzati in modo completamente autonomo con accessi separati ma potranno avere prerogative complementari e sinergiche.
L'intervento sarà realizzato nell’obiettivo di garantire sempre l'utilizzo pubblico di tale impianto, e di garantirne la sicurezza per gli atleti utilizzatori, in un quadro generale volto a favorire e promuovere la diffusione dell’attività sportiva e ricreativa e sociale.
Essendo il gioco delle bocce, una delle discipline di tradizione ligure, la Regione Liguria ha già parzialmente finanziato il progetto di copertura della Bocciofila Comunale di Via Torino, ed avrebbe manifestato l’intenzione di finanziare la realizzazione di un bocciodromo comunale attualmente inesistente, sul territorio comunale. Si intende quindi partecipare al bando regionale relativo ai contributi di cui alla Legge Regionale n. 40/2009.
La spesa complessiva stimata in euro 1.075.000,00 sarà oggetto di apposita domanda di contributo regionale

PROGETTO PRELIMINARE NUOVO CAMPO DA HOCKEY
Il progetto, approvato inizialmente nel Febbraio 2008, prevedeva la collocazione dell'impianto in Legino, sulle aree di proprietà comunale un tempo utilizzate per l'addestramento delle reclute della vicina caserma militare, nei pressi di Via Bonini. Nel frattempo la Curia Vescovile ha manifestato l’intenzione di alienare parte del proprio patrimonio in Legino tra cui figura il campo sportivo “ex CSI”. Un'opportunità che l'Amministrazione ha ritenuto cogliere, dopo studi ed analisi a cura degli Uffici Tecnici, in considerazione della più semplice fattibilità dell'impianto in tale area – cui si accede da Via Pietra Grossa – e delle ricadute economiche. Infatti se il primo progetto, inserito nella bozza di elenco annuale per l’anno 2008, prevedeva per la realizzazione un importo complessivo pari a euro 1.600.000,00, il nuovo progetto permette un decisivo contenimento della spesa – stimata in euro 900.000,00 - mediante l’utilizzo di sistemazione a terra già esistenti che non comportano la necessità di costruire costose opere in cemento armato per la modellazione del suolo, oltre a requisiti di tipo paesistico ambientale, in quanto non si va a “consumare” territorio ma, al contrario, si recupera un’area già a vocazione sportiva.
Il progetto prevede dunque la realizzazione di un impianto sportivo principalmente per il gioco dell’Hockey su prato con dimensioni regolamentari per la disputa dei campionati di Serie “A”, e, secondariamente, con finalità di impianto polisportivo.
Le dimensioni complessive dell’area destinata al gioco – in conformità alle Norme Tecniche della Federazione Italiana Hockey - risultano pertanto di m. 99,40 x m. 64,00 per un totale di mq. 6362.
L’impianto verrà realizzato nelle adiacenze della piazza di Legino con accesso da via Pietra Grossa mediante l’esistente cancello di ingresso al campo da calcio dell’area “ex CSI”. A destra dell’ingresso verrà realizzata la palazzina che ospiterà gli spogliatoi, i depositi, gli uffici delle società, la Club House e i servizi per il pubblico.
Il campo da gioco, con manto in erba sintetica, verrà realizzato sul sedime dell’esistente campo da calcio con una leggera traslazione nella direzione di via dell’Oratorio.
Le tribune, dimensionate su una capienza di circa 300/350 persone, verranno realizzate sul margine di ponente del campo.
L'impianto sarà così articolato: terreno di gioco realizzato con manto sintetico omologato per incontri di serie “A” ed eventi internazionali; recinzione; impianto d’ illuminazione (torre faro e illuminazione esterna); idonee aree di accesso; idoneo blocco edilizio da adibire a spogliatoi e a servizi (punto di primo soccorso, servizi igienici, club-house); tribune per il pubblico; individuazione di un numero sufficiente di parcheggi per le auto dei fruitori della struttura.