4 Giugno 2011 - Uno splendido capolavoro di Arturo Martini esposto nella Pinacoteca Civica di Savona

Sommario delle sezioni presenti


torna su

4 Giugno 2011 - Uno splendido capolavoro di Arturo Martini esposto nella Pinacoteca Civica di Savona

Martini

In contemporanea con il Festival Internazionale della Maiolica, uno splendido capolavoro di Arturo Martini esposto nella Pinacoteca Civica di Savona, in vista del grande Polo Museale della Ceramica


Mentre si apre il Festival Internazionale della Maiolica, che coinvolge i comuni di Albissola Marina, Albisola Superiore, Savona e Genova, la Pinacoteca Civica prosegue nella sua opera di valorizzazione dell'eccezionale patrimonio storico artistico del territorio legato alla ceramica. Proprio in questi giorni è possibile ammirare un capolavoro di Arturo Martini, una maternità in terracotta realizzata a Vado Ligure nel 1931.

L'opera fu donata da Martini all'ingegner Polibio Fusconi, dirigente dell'ILVA Refrattari, che aveva realizzato all'interno dello stabilimento un forno-laboratorio per consentire all'artista di cuocere direttamente le sculture di grandi dimensioni senza rischi di rotture dovute al trasporto in strutture esterne. Lo splendido gruppo con la madre accovacciata che tiene il bimbo fra le gambe è entrato a far parte della collezione della Cassa di Risparmio di Savona nel 1986 ed è stato recentemente acquisito dalla Fondazione “A. De Mari” Cassa di Risparmio di Savona che lo ha concesso in deposito alla Pinacoteca di Savona, mettendolo così a disposizione del pubblico più vasto.

Come ricorda la Direttrice della Pinacoteca Eliana Mattiauda “L'opera sarà poi trasferita e allestita all'interno del centro espositivo destinato alla ceramica in corso di realizzazione a cura della Fondazione De Mari all'interno del Palazzo del Monte di Pietà, adiacente a Palazzo Gavotti, sede della Pinacoteca, cui sarà direttamente collegato”, portando Savona ad avere un polo museale che sarà, per dimensioni, quantità e qualità delle opere esposte, secondo in Italia solo a quello di Faenza. Come è per tutto il percorso artistico di Martini, anche quest'opera rivela il carico di emozioni ed espressività dell'artista, arrivando ad apprezzare la manualità testimoniata dalle ditate impresse nell'argilla e rimaste immortalate a gran fuoco.


Arturo Martini
Treviso 1899 – Milano 1947
Maternità, 1931
terra refrattaria (esemplare unico),
80x46x53 cm
Iscrizioni: firmata a destra in basso: “Martini”

L'opera è stata esposta in mostre a Milano, Matera, Madrid, Parigi, Londra e Firenze.