21 Marzo 2011 - Al Chiabrera gli Stati generali della Cultura

Sommario delle sezioni presenti


torna su

21 Marzo 2011 - Al Chiabrera gli Stati generali della Cultura

stati generali cultura

Stati Generali della Cultura: domani martedì 22 marzo 2011 al Teatro G.Chiabrera dalle ore 16,00 il Comune di Savona incontra le associazioni, gli scrittori, gli artisti, gli operatori del settore.

L'Assessore alla Cultura Ferdinando Molteni “E' un'occasione importante per fare il punto della situazione della cultura in città pensando anche a idee e progetti futuri”

Domani martedì 22 marzo 2011 alle ore 16,00 al Teatro G.Chiabrera si terranno gli Stati Generali della Cultura, dove il Comune di Savona incontra le associazioni, gli scrittori, gli artisti, gli operatori del settore. Tutta la cittadinanza è invitata. In apertura, ci sarà la proiezione del cortometraggio “Garcìa”, con la regia di Enrico Bonino, un film di Enrico Bonino e Stefano De Felici, tratto da un romanzo di Sonia Cosco. Afferma l'Assessore alla Cultura Ferdinando Molteni “Quale cultura per la città del futuro? Questa è la domanda che ci siamo posti e sta alla base della convocazione degli Stati Generali della Cultura. E' l'occasione per radunare anche fisicamente gli operatori del settore, associazioni e singoli protagonisti, per incontrarci e fare il punto sulla situazione culturale in città, chiedendo proposte e idee per il futuro. Ci sono già state molte adesioni” prosegue l'Assessore Molteni “ho ricevuto diversi testi che saranno alla base, insieme a quelli che arriveranno nei prossimi giorni, di una piccola pubblicazione in formato elettronico che realizzeremo al più presto. Non c'è una scaletta vera e propria ma sarà un incontro libero. Io girerò con un microfono e darò via via la parola a tutti. Savona negli ultimi 15 anni ha avuto uno sviluppo importante anche dal punto di vista culturale, anche se certo ci sono ancora molte cose da fare. Penso ad esempio alla letteratura, un campo dove Savona oggi annovera diversi scrittori di notevole interesse, che potrebbe diventare un tema da sviluppare con un grande evento”.