La Processione del Venerdì Santo

Sommario delle sezioni presenti


torna su

Servizi Comunali

La Processione del Venerdì Santo

EDIZIONE 2016 - VENERDI'  25 MARZO

La prossima edizione si terrà nel 2018

 

La Processione del Venerdì Santo a Savona - si svolge con cadenza biennale (negli anni pari) - è da annoverarsi fra le più importanti e scenografiche manifestazioni religiose della Settimana Santa che hanno luogo in diverse regioni d'Italia.

Riveste grande interesse storico-artistico soprattutto in virtù del pregevole apparato processionale costituito dalle "casse" lignee che raffigurano i "misteri" ovvero le tappe della Passione di Cristo.

 

incappucciato

L'evento religioso risale ai riti penitenziali in vigore nel Duecento ad opera dei movimenti dei "disciplinati" più genericamente conosciuti e tramandati con il nome di Confraternite.

In origine erano gli stessi Confratelli ad inscenare la rappresentazione drammatica degli episodi o misteri della Passione.

Oggi i Confratelli, che indossano ancora le "cappe", nei colori proprio delle Confraternite - il bianco, il blu, il rosso - si alternano nel portare a spalla i pesantissimi gruppi lignei  issati, all'uopo, su lunghe stanghe.

 

cristomorto

A partire dalla fine del Cinquecento e nei secoli successivi le Confraternite commissionarono ad artisti di prestigio la realizzazione dei gruppi di legno policromo.

Le "casse" di maggior pregio sono opera degli scultori liguri Anton Maria Maragliano (1664-1739); Filippo Martinengo ( 1750-1800),  Stefano Murialdo (1776-1838), Antonio Brilla (1813-1891).

angelo

L' ordine delle Casse

La Croce di Passione con torcioni e lampioni anticipa le "casse":

La Promessa del Redentore (Filippo Martinengo,savonese,1750-1800)

L'Annunciazione ( Anton Maria Maragliano, savonese, 1664-1741)

L'Orazione nell'Orto ( Anton Maria Maragliano, genovese,1664-1741)

Il Bacio di Giuda (Giuseppe Rungardier di Ortisei, 1926)

 

Cristo legato al palo (Ignoto del sec. XVIII)

La Flagellazione (Ignoto di scuola napoletana, sec. XVII)

L' Incoronazione di spine (Antona Maria Maragliano, genovese, 1664-1741)

Ecce Homo (Renata Cuneo,savonese,1903-1995)

Cristo cade sotto la Croce (Ignoto di scuola napoletana del  sec. XVII)

Cristo spirante in Croce (Anton Maria maragliano, genovese, 1664-1741)

Cristo morto sulla Croce (Ignoto di scuola romana del sec. XVI)

La Deposizione dalla Croce (Filippo Martinengo, savonese, 1750-1800)

La Pietà  (Stefano Murialdo, savonese,1776-1838)

La Deposizione nel sepolcro ( Antonio Brilla,savonese, 1813-1891)

L'Addolorata (Filippo Martinengo, savonese, 1750-1800)

L'Arca della Santa Croce sormontata dal baldacchino con lampioni e torcioni chiude il corteo

processionecorteo

 

Nel loro insieme la "casse" creano una vera e propria macchina processionale di efficace teatralità, la cui solennità è accentuata dalla partecipazione di gruppi musicali e corali che eseguono musiche sacre, in parte anche appositamente composte per la Processione, come i "mottetti".

La Processione, oltre ad essere un evento religioso e di fede, è uno spettacolo d'arte, di storia, di tradizione, di cultura popolare.

Le "casse", inoltre, prima di uscire dagli Oratori e dalle chiese dove sono custodite vengono adornate da fiorai e maestre di composizione. La "vestizione" di verde e fiori offre il curioso spettacolo di un animato e profumato backstage.

L 'evento, irrinunciabile per i savonesi, esercita un richiamo turistico di notevole rilevanza e ali di folla si concentrano nel centro cittadino, lungo tutto il percorso.

La Processione, che si mette in movimento alle ore 20,30 a partire dal Duomo di Savona, per riunirsi e quindi sciogliersi in piazza Sisto IV ( la piazza del Comune ) intorno alle ore 23.

La regia, affidata al Priorato Generale delle Confraternite, può stabilire mutamenti di percorso, da un'edizione all'altra.

 

Percorso edizione 2016

 

Piazza Duomo, Via Caboto, Piazza Cavallotti, Via Gramsci, piazza Leon Pancaldo, Via Paleocapa, piazza Mameli,via N.Sauro, largo Vegerio, via P. Boselli, piazza Mameli, via Montenotte, via Astengo, piazza Sisto IV.

Addolorataincorteo

 

 La componente musicale

Grande complesso corale-orchestrale dei mottetti composto da:

Civico Complesso Bandistico "A.Forzano" con la sezione di archi

Coro di voci maschili e femminili

Coro di voci bianche ( alunni di alcune scuole elementari cittadine)

 

Partecipano bande e corali provenienti da diverse località della Liguria

 

 

Numeri e curiosità

In Processione sono presenti:

4    incappucciati

10  tamburini

20   torcioni

200 flambeaux

30   cristanti per la Croce di Passione

500 tra musicisti e coristi

56   comandanti per le 15 "casse" 

1.400 portatori

 

Madonnapart

Durante tutta la Settimana Santa, le "casse" si possono ammirare negli Oratori e Chiese che le custodiscono,insieme ad altre preziose opere d'arte. Gli Oratori seguono l' orario di apertura concordato: mattino 10,00- 12,00 e pomeriggio 16,30-18,30.

Oratorio di Nostra Signora di Castello, via Manzoni

Oratorio del Cristo Risorto, via Pia

Oratorio dei S.. Pietro e Caterina, via Dei Mille

Oratorio dei SS. G. Battista, G. Evangelista e Petronilla, via Guidobono

Chiesina di Santa Lucia, via Santa Lucia

tortapasqualina

Nelle case savonesi è sempre stata tradizione "festeggiare" la Processione con la Torta Pasqualina.

Anche in molte gastronomie cittadine è possibile trovare la prelibata torta salata a base di carciofi.

I ristoranti la propongono nel menù. I turisti gradiscono.